“50% delle reazioni al vaccino: questo è ciò che accade dopo l’iniezione”

Uno su due può avvertire mal di testa, febbre e naso che cola: questo è ciò che accade subito dopo la somministrazione Vaccino Pzifer-BioNtech è già in uso nel Regno Unito ed è stato approvato dalla FDA statunitense l’11 dicembre per l’uso di emergenza.

“Forte reazione al vaccino”

In Europa, l’EMA (European Pharmaceuticals Company) dovrebbe approvare e inizierà l’uso in Italia il 27 dicembre, prenotando un totale di 20 milioni di dosi, ma saranno disponibili in una fase iniziale di 1,9 milioni. Tuttavia, il primo messaggio non è confortante se anche il 50% dei vaccinati non sta bene. “Pfizer è molto ReogenicaCioè, innesca reazioni più forti rispetto ai vaccini convenzionali: metà della popolazione, soprattutto i giovani, soffre di mal di testa, febbre e raffreddore, sebbene si risolva entro 24 ore.Disse Guido Stufe, In un’intervista con il professore ordinario di immunologia all’Università di Torino e accademico di Lincy Stampa, Avverte: “È importante raccontare questi dettagli per preparare la popolazione ed evitare paure inutili“.

Tutti i vaccini possono indurre le reazioni descritte, ma il 50% è sicuramente una percentuale significativa. “Esatto, ma devi sapere che non devi svolgere compiti importanti per il giorno successivo. Siamo abituati a sottovalutare i vaccini antinfluenzali, che non provocano effetti collaterali“La corsa contro il tempo per produrre, testare e commercializzare un farmaco in grado di prevenire l’infezione da virus corona sta già mostrando i primi effetti. Negativi. Assicura il professor Forney, sottolineando come disturbi leggeri e transitori indichino una reazione specifica a questo tipo di vaccino.

“Reazioni più gravi nei pazienti allergici”

Possono essere instabili, ma cosa succede se una persona anziana ha un’allergia più forte di una più giovane? E in chi soffre di allergie? “Le persone con allergie possono avere più reazioni Grave“Ci auguriamo che non sia proprio così, d’altra parte è iniziata la campagna vaccinale Pfizer-Biotech, ma la prima notizia non è sicuramente quella che ci aspettavamo: The. New York Times Si dice che un operatore sanitario che è stato vaccinato negli Stati Uniti abbia sviluppato reazioni allergiche come eruzioni cutanee, tachicardia e crisi respiratoria ed è stato ricoverato in terapia intensiva. Le sue condizioni sono più stabili.

READ  Gli avvocati italiani stanno preparando eventuali onorari sulla base dell'inchiesta del Ponte di Genova

Questo può essere un caso isolato, ma è una spia importante da tenere in considerazione. “La reattività dipende genere Vaccino, che è costituito da fastidiose nanoparticelle lipidiche“, Dice il professore, sottolinea come tali reazioni si sviluppano in pochi minuti e se i siti di vaccinazione sono più adatti per questo tipo di problema.

Temperatura e dimensioni, altri due problemi

L’altro problema Pfizer è la temperatura: anche se risulta essere efficace al 95% (dopo aver somministrato due dosi) va conservato e poi scongelato a -80 gradi e poi diluito, non semplici operazioni in ospedali e aree attrezzate. L’altro concorrente, il vaccino dell’azienda Moderno, Ha un’ottima temperatura di conservazione di -30 gradi, ma l’Italia ha ordinato quantità inferiori perché tutti stanno cercando di puntare sull’italo-inglese AstraZeneca. “Ha fornito rapporti migliori a tutti, ma ora è efficace al 60%. Meglio di qualsiasi cosa, ma gli americani sono migliori. Ci vorranno alcuni mesi per capire se AstraZeneca aggiusta lo scatto. “

Altri vaccini sono qui

Se le prime crepe compaiono nel vaccino Pfizer-Bioentech (non proprio), a che punto sono gli altri? Sviluppo? Il professor Forney ha spiegato che Novax e Kura Vox sono nella terza fase e funzionano bene alle classiche temperature del frigorifero, mentre Johnson & Johnson potrebbe funzionare con una singola dose. E i vaccini cinesi “popolari” e lo Sputnik russo (facendo clic su chi Tutte le parti del vaccino di Putin)? “Sono nella terza fase, ma sono già stati testati su coloro che non seguono la corretta procedura da parte dei militari e dei civili. Lo Sputnik russo è innovativo e può fornire risultati. Tutti e quattro i cinesi sono così, ma i dati sono ancora un po ‘certi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *