130 vigili del fuoco bruciano Italia: Polizia

La polizia italiana afferma che la maggior parte degli incendi devastanti e mortali che hanno devastato il sud Italia quest’estate sono stati deliberatamente incendiati.

Il moschettone, annunciato lunedì a Roma, è sospettato di aver dato fuoco a quasi 130 persone e quattro persone sono state arrestate.

Inoltre, un totale di 530.000 euro ($ A865.392) è stato presentato per reati amministrativi in ​​relazione all’incendio boschivo.

La maggior parte degli incendi selvatici e di arbusti tra giugno e agosto sono stati avviati intenzionalmente o incautamente. La gente usava il fuoco per rinnovare i pascoli o per vendicare la pubblica amministrazione. Anche l’ansia è un fattore.

Quest’anno, secondo la polizia, Calabria, Campania e Puglia nel sud Italia e le isole maggiori della Sardegna e della Sicilia sono state particolarmente colpite dall’incendio.

La siccità attuale, il caldo e i forti venti hanno contribuito alla loro diffusione.

Gli incendi sono divampati in molte parti del paese dalla fine di luglio. Da allora, la Protezione Civile ha inviato quotidianamente aerei dei vigili del fuoco nelle zone colpite.

In alcuni casi, l’incendio si è esteso alle zone residenziali. In Calabria, i media dicono che cinque persone sono morte in relazione all’incendio.

I vigili del fuoco sono intervenuti decine di migliaia di volte per spegnere gli incendi in tutto il Paese. Danni significativi sono stati arrecati all’agricoltura. L’incendio ha anche bruciato aree nei parchi naturali protetti.

READ  "Big Brother Whip", nessuno rimosso e quattro nomination

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *